minìsae


minìsae


1.

2.


3.




1
An Paenhuysen, Camilla Crispino, Giorgia Minisini, Villa Massimo, Academia Tedesca, Roma, Febr. 2023

2 Giorgia Minisini e Camilla Crispino, fotografate da An Paenhuysen a Trieste, Aprile 2022


3 An Paenhuysen e Camilla Crispino, fotografate da Giorgia Minisini in Trieste, Aprile 2022.

Team
~ chi è chi?


Camilla Crispino è ricercatrice e formatrice in campo somatico e artista di movimento e parola. Conduce laboratori e interventi basati sulla pratica del movimento, la danza di ricerca e la scrittura creativa e drammaturgica nell’ambito della formazione, dell’educazione e dell’incontro di comunità. Idea e coordina progetti di formazione e progetti territoriali di partecipazione sociale e culturale e collabora all’emersione e scrittura di interventi teatrali e performativi. La sua formazione di mover è fortemente segnata dal lavoro pluriennale con Simone Forti e dallo studio con vari maestri tra i quali Daniel Lepkoff, Keith Hennessy e Lisa Nelson. Approfondisce negli anni diverse discipline del lavoro somatico, diplomandosi come Educatrice del Movimento Somatico presso la School of Body-Mind Centering® e ricevendo un Master di specializzazione in Movimento Autentico/Ground Form. Ha lavorato come scrittrice e redattrice presso fondazioni internazionali e piccole e medie case editrici italiane. Attualmente sta completando il percorso di formazione per Danzeducatore, diretto da Franca Zagatti, rivolto allo studio e alle pratiche della danza educativa e di comunità, ed il training quadriennale in Laban/Bartenieff Movement Studies diretto da Karen Studd e Laura Cox (Whole Movement, USA).

Giorgia Minisini è coreografa, danzatrice ed educatrice. Nel 2020 si diploma Insegnante Feldenkrais dopo aver studiato negli Istituti di Formazione di Milano e New York.  Recentemente si trasferisce a Cividale del Friuli, sua città d’origine, dove decide di dare l’avvio ad un programma di residenze internazionali e ad una piattaforma di sviluppo di progetti artistici e educativi. Insegna e ricerca nell’ambito di varie applicazioni del movimento somatico e della danza. Giorgia ha performato a lungo come danzatrice e performer in tutto il mondo. Si diploma in Danza Contemporanea presso The Place a Londra e si trasferisce poi a New York per completare i suoi studi nella Trisha Brown Dance Company. Completa un Master in Arti Performative e Cultura Visiva presso l’Università di Castilla la Mancha in collaborazione con il Museo Reina Sofia di Madrid. Come performer ha lavorato, tra le molte compagnie, con Deep Blue Project (National Dance Company Wales), Cie. Dans (South Korea), Human Kenetic Arts Movement (USA). Come coreografa ha firmato Out of the Blue (Teatro Pradillo, Madrid), Anastomose (Conaculta, Mexico City) and Shebeast (LaborGras, Berlin). Nel campo dell’improvvisazione, Giorgia ha fatto parte di Figure Space Project, diretto da Lisa Nelson e Steve Paxton e ha a lungo lavorato nel programma di ricerca del movimento di Simone Forti.

An Paenhuysen è una curatrice, scrittrice d’arte, storica della cultura ed educatrice. Vive a Berlino. È interessata nel potenziale critico del breve e del leggermente ironico: storie brevissime, haiku visivi, pensieri a metà. An ha scritto per diverse piattaforme e riviste culturali tra le quali Sotheby's, Berlin Art Link, Spike Magazine, Women's Review of Books.
Il suo ultimo libro di poesia, Island Life, è stato tradotto in spagnolo (Quince Ediciones, 2022). Nel 2019 diventa direttrice de The House of The Deadly Doris, cominciando ad organizzare occasioni per rivitalizzare il suo archivio sulla Berlino ovest degli anni 80. È coordinatrice del Node’s International Curatorial Program. La carriere curatoriale di An è cominciata presso l’ Hamburger Bahnhof - Museum of Contemporary Art in Berlin con una mostra sulla danzatrice degli anni 20 Valeska Gert. An si laurea in Cultural History presso l’Università di Leuven in Belgio, dove completa anche il suo dottorato in Critica Culturale in relazione all’avanguardia belga degli anni ’20. Prosegue la formazione accademica con un post-doc sulla cultura visiva berlinese degli anni ’20 presso UC Berkeley, Columbia University e Humboldt-University, prima di dedicarsi completamente al mondo dell’arte contemporanea.